Vai al menu sezioni pagina

Il regista di matrimoni dal blog Opere dell'ingegno

Le mie esperienze di lettura, ascolto e visione

orme arancioni su asfalto bagnato dalla pioggia

Sei su: Cinema , Marco Bellocchio > Il regista di matrimoni



Il regista di matrimoni

Sembra che il regista Marco Bellocchio si sia divertito a deludere le aspettative più maliziose e piccanti, creando equivoci in quella che definisce in parte una commedia.

finestra gotica modellino su spiaggia incornicia la torre di Santa Lucia lontana, le pendici dei colli a destra

Il preventivo nella prassi è solo un’invenzione dell’aiuto regista che lo ha diffamato, le connesse indagini giudiziarie e scandali una conseguenza della calunnia.

L’amplesso nella cripta della chiesa – che doveva essere la possibile conclusione dell’incontro con la principessa triste – non arriva a compimento, Franco se ne ritrae esplicitando la sua riservatezza, carattere naturale del protagonista Sergio Castellitto, come rivelato (con il contenuto delle note precedenti) dal regista Bellocchio stesso nel contributo abbinato al supporto del film del 2006.

Smamma, uno strepitoso e ‘casteliano’ Gianni Cavina, è il fu Pascal pirandelliano che si finge morto per vincere un Davide di Michelangelo e per essere riconosciuto come uomo e come autore.

Si tratta del regista di cui uno dei tanti schermi-nello-schermo del cinema-nel-cinema di questa produzione annuncia la morte.

Così è acutamente dipinta su mymovies.it la parte dell’artista deceduto – che porta il singolare nome di Smamma – di cui Franco Elica è medium e alter ego, dove casteliano si riferisce al ruolo e alla statura artistica di Lou Castel in I pugni in tasca.

Ma è altrettanto automatico ravvisarvi la figura del révenenat della poetica bergmaniana, armonizzatore di contrasti, che trova le risposte solo in braccio alla morte.

E così Bergman con il suo circo, la sua ricerca interiore, la sua dualità del Settimo sigillo ritorna sulle spiagge rocciose, ancora una volta coinvolto – col dovuto distacco – alla processione al seguito del bubbone della peste, qui elemento purificatore.

Un cast davvero denso, con la punta di diamante – secondo me – del Principe di Gravina di Sami Frey.


Informazioni sull'articolo

Il regista di matrimoni e' stato pubblicato il 28 marzo 2018 alle 20:50 da Francesco nella categoria Cinema, Marco Bellocchio.
Ultima modifica: marzo 29, 2018.


Commenti (0)

Non c'è ancora nessun commento.

Lascia un commento

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.

Formulario di invio messaggi







vai al menu sezioni pagina


Menu di navigazione

vai al menu sezioni pagina