Vai al menu sezioni pagina

Riso amaro dal blog Opere dell'ingegno

Le mie esperienze di lettura, ascolto e visione

orme arancioni su asfalto bagnato dalla pioggia

Sei su: Cinema > Riso amaro



Riso amaro

Il miglior interprete di un ruolo è forse il protagonista stesso della vicenda reale e chi ne ha il fisico, anche secondo valide teorie psicanalitiche.

immagini in bianco e nero di area erbosa contrnata da eucaliptus sullo sfondo, riflessa orizzontalmente

Pubblicato nel 1949, si usciva da pochi anni dalla guerra, i concorsi di bellezza rappresentavano una speranza di affrancamento, di successo, l’opportunità di esplicitare doti artistiche: così fu per Sofia Loren, Gina Lollobrigida, Lucia Bosé, Silvana Mangano.

Celebrazione sincera e vitale della bellezza e degli ardori giovanili, del sogno, ma un monito, con tragico fine: scrive Georges Sadoul in Il cinema, Sansoni, Firenze 1968, riportando le parole del regista Giuseppe De Santis:

Per De Santis era il

tipo di giovani incoscienti, incapaci di comprendere la propria condizione e di lottare accanto ai propri compagni, perché deviati verso una vita fittizia che li condanna all’annientamento.

da Wikipedia

Si rimprovera al regista l’aver troppo ceduto alla caratterizzazione del personaggio negativo sul modello americano, ma oggi si può verificare come il secondo dopoguerra fu l’epoca – oltre che dell’occidentalizzazione dei costumi orientali – quella dell’imposizione della scanzonatura dell’uomo qualunque statunitense o italoamericano frequentemente incarnata da Alberto Sordi.

Grandi scene d’insieme, skylines, decisamente messa a punto l’ispirazione iniziale che si vuole acquisita dal regista

nel 1947 quando, tornando da Parigi dove aveva presentato Caccia tragica, si trovò nella stazione di Torino in attesa della coincidenza per Roma.
Cominciò a sentire dei canti e scoprì che c’erano delle mondine che tornavano dalla risaia, De Santis ne rimase affascinato.

da Wikipedia


Informazioni sull'articolo

Riso amaro e' stato pubblicato il 15 marzo 2018 alle 9:42 da Francesco nella categoria Cinema.
Ultima modifica: marzo 15, 2018.


Commenti (0)

Non c'è ancora nessun commento.

Lascia un commento

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.

Formulario di invio messaggi







vai al menu sezioni pagina


Menu di navigazione

vai al menu sezioni pagina