Vai al menu sezioni pagina

Opere dell'ingegno

Le mie esperienze di lettura, ascolto e visione

fili d'erba in primo piano di fronte al promontorio di Mandras

Sei su: Cinema



The Straight story

La vera storia… di Alvin Straight

Un film della maturità di David Lynch, targato Walt Disney e evidentemente proposto in formato sentimentale, quasi natalizio, caramella e a momenti cartoon, ma con il tocco del cinema d’autore.

Segue: ‘The Straight story’

Commenti (0)

Mulholland drive

David Lynch e chi ha collaborato con lui alla realizzazione del film Mulholland Drive del 2001 apre la visione della conoscenza umana, su tutti i livelli a prescindere dal primato dell’intelletto razionale.

Segue: ‘Mulholland drive’

Commenti (0)

Vanità e affanni

Il teatro nel cinema, il cinema nel teatro, il teatro nel cinema.

Segue: ‘Vanità e affanni’

Commenti (0)

L’uovo del serpente

L’uovo del serpente, film del 1977, si ricollega idealmente a Una vampata d’amore del 1953.

Segue: ‘L’uovo del serpente’

Commenti (0)

L’esorcista

Ho rivisto dopo anni L’esorcista di William Friedkin e desidero solo scrivere qual è secondo me il miglior modo di predisporsi alla visione di questo film.

Segue: ‘L’esorcista’

Commenti (0)

Exorcist: The Beginning

In questa fase il sacro non è più tale, la valenza spirituale e profondamente psicanalitica della materia dei film ispirati al romanzo di William Peter Blatty cede il passo.

Segue: ‘Exorcist: The Beginning’

Commenti (0)

Bound (1996)

Una creazione neo-noir firmata a due mani da The Wachowskis, due fratelli entrambi transgender, oggi donne.

Segue: ‘Bound (1996)’

Commenti (0)

Il regista di matrimoni

Sembra che il regista Marco Bellocchio si sia divertito a deludere le aspettative più maliziose e piccanti, creando equivoci in quella che definisce in parte una commedia.

Segue: ‘Il regista di matrimoni’

Commenti (0)

Il figlio di Bakunìn

Già nel 1965, anno di pubblicazione di I pugni in tasca di Marco Bellocchio si diceva e scriveva che il neorealismo era un genere cinematografico superato e che si era alle soglie del Sessantotto.

Segue: ‘Il figlio di Bakunìn’

Commenti (0)

Riso amaro

Il miglior interprete di un ruolo è forse il protagonista stesso della vicenda reale e chi ne ha il fisico, anche secondo valide teorie psicanalitiche.

Segue: ‘Riso amaro’

Commenti (0)

articoli datati »

vai al menu sezioni pagina


Menu di navigazione

vai al menu sezioni pagina